EMOGLOBINA SENZA FRONTIERE

ENTE FINANZIATORE

Tavola Valdese

 

DURATA DEL PROGETTO

12 mesi, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015

 

BREVE DESCRIZIONE

L' incremento delle donazioni di 1. sangue come 2. di cellule staminali ricavate da sangue cordonale placentare e da midollo osseo e 3. di organi, è una necessità crescente del sistema sanitario europeo. Negli ultimi anni il fenomeno dell’immigrazione in un buon numero dei Paesi UE, ha posto problematiche nuove, legate a interventi chirurgici, trapianti, trasfusioni e donazione di sangue, di organi e cellule staminali. L’aumento dei cittadini immigrati residenti ha portato ad un parallelo aumento del numero dei ricoveri in ospedale e conseguenti necessità trasfusionali e trapiantologiche di questi pazienti.

 

Per altro le caratteristiche immunogenetiche (HLA) legate alla differente appartenenza etnica, creano già ora delle difficoltà nella capacità del sistema di assicurare ai nuovi cittadini il soddisfacimento dei bisogni trasfusionali e di trapianto degli immigrati  in tutti quasi i Paesi europei.

 

L’inserimento di nuovi donatori, immigrati, rappresenta una condizione necessaria e non molto oltre procrastinabile per una auspicabile e necessaria integrazione sanitaria, e non solo, tra nuova e antica popolazione. Occorre per altro dire che il fenomeno degli immigrati donatori di sangue, di organi e tessuti pur sostanzialmente nuovo, risulta ciò non di meno in aumento in Italia, in linea con gli altri Paesi di Europa. Per una serie comunque di ragioni, legate ad aumentato fabbisogno totale di questi presidi biologico terapeutici e in particolare per accrescere nei Paesi partecipanti le disponibilità di sangue in toto e in particolare di quello con caratteristiche immunologiche altre rispetto a quelle dei cittadini europei, occorre implementare la raccolta e la disponibilità delle scorte materiali come le potenzialità donative di staminali registrate nei registri internazionali.

 

ATTIVITA’ PROGETTUALI

 

  • FORMAZIONE DEI VOLONTARI

 

- Identificazione delle associazioni di immigrati nelle tre regioni coinvolte

 

- Formazione dei formatori (responsabili delle associazioni).

 

  • INTERVENTI DI SENSIBILIZZAZIONE

 

  1. INCONTRI con la popolazione bersaglio nei luoghi della loro frequentazione abituale (call center, uffici territoriali di front office …etc) e nelle associazioni,
  2. ARTICOLI e interventi su organi di stampa e sui media, (almeno 12 per ogni regione),
  3. Diffusione di MATERIALI PROMOZIONALI: brochures, locandine, manifesti, nei luoghi della frequentazione sanitaria (ospedali, ambulatori medici, sportelli di servizio alla popolazione immigrata…).

 

Tutti i materiali saranno prodotti in attenzione alla migliore fruizione comunicativa diretta alla sensibilizzazione della popolazione bersaglio ma anche degli stakeholders: centri per la immigrazione, associazioni interculturali, associazioni industriali e dell’artigianato, centri di servizio per il volontariato…

 

  1.  INTERVENTI DI RECLUTAMENTO DEI DONATORI E DI VALUTAZIONE DELLE IDONEITA’  I Centri trasfusionali ospedalieri e quelli ostetrici partecipanti diventeranno centri pilota di reclutamento alla donazione di sangue e di cellule staminali. Precisi protocolli operativi assicureranno donazione, valutazione di idoneità e valutazione del rischio infettivologico.
  2. CONFERENZE e REPORT FINALI A conclusione il progetto prevede report ed una conferenza tematica finale (3 conferenze nelle 3 regioni). In esse saranno presentati i risultati raggiunti nel periodo sul piano operativo, I modelli di buona pratica, gli indicatori di analisi e di sviluppo dell’obiettivo progettuale. Saranno valutati gli indicatori di efficacia del progetto: numero globale e parziale dei visitatori del sito, numero delle e-mail e degli altri contatti prodotti e ricevuti dallo steering group, il numero delle pubblicazioni, delle relazioni e degli articoli comparsi sulla stampa in riferimento alla campagna prodotta dal progetto.

 

Programma di integrazione sanitaria degli immigrati nelle regioni Umbria, Marche e Toscana.

 

GSI Marche Via Porta Torricella 11, 63100, Ascoli Piceno (AP),  349 6592989 (telefono), 0734961602 (fax),  gsimarche@gsitalia.org

Home

Associazione

Attività

News

Contattaci