ART.1 -Costituzione

ART.2 -Sede

IL NOSTRO STATUTO

ART.7 -Assemblea dei soci

Articolo   1

COSTITUZIONE

 

1.1  E'  costituita,    una  Associazione  senza  scopo  di  lucro,  formata  da  individui  e gruppi  organizzati di volontariato ispirati ai temi    della Cooperazione Internazionale, dei diritti dell'uomo, dello sviluppo integrale della persona e della promozione della  solidarietà tra i popoli,  denominata " G.S.l. MARCHE GRUPPI DI SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE",  per  le  finalità   descritte   all'Art.3  del presente statuto. L'Associazione si definisce come ONLUS (Organizzazione Non lucrativa di Utilità Sociale).

 

 

Articolo 2

SEDE

 

2.1  L'Associazione ha sede ad Ascoli Piceno. Potranno   essere   istituite   sedi secondarie e/o uffici di rappresentanza in qualsiasi città italiana  od estera.

 

 

Articolo 3

DURATA

 

3.1  L'Associazione  ha durata illimitata.

 

 

Articolo  4

FINALITà

 

4.1  L'Associazione ha come  finalità   principale   la  cooperazione   e  la  solidarietà internazionale,  con particolare attenzione   a quella decentrata, tra comunità del Nord e del Sud del pianeta.  In  tal senso,  intende :

  1. sviluppare  la  ricerca,   l'innovazione    e  la  formazione  nelle tematiche  dello sviluppo;
  2. informare, sensibilizzare ed educare  sui  temi  dello  squilibrio  sociale ed economico  tra Nord e Sud, su quelli della  mondialità, della pace e della coesistenza pacifica tra le culture, della promozione dello sviluppo umano equo e sostenibile,  della giustizia   sociale,  della difesa  dell'ambiente  e della tutela dei  diritti  civili;
  3. identificare, elaborare,  attuare e sostenere anche  in collaborazione con altri organismi  nazionali  ed  internazionali,   progetti di cooperazione allo sviluppo, nei paesi ad alta marginalità ed insicurezza economica, nel rispetto dell'autodeterminazione     dei    beneficiari     e   della    ecosostenibilltà    dei programmi;
  4. formare  ed inviare  volontari nei PVS,  a sostegno di  propri  ed altrui progetti di sviluppo;
  5. promuovere ii commercio equo e solidale e la finanza etica.

L'Associazione  s'impegna altresì,  sul  territorio  nazionale, nella lotta alla povertà, alla marginalità  e all'esclusione   sociale:

•        informando,   sensibilizzando ed educando la società civile  su detti temi,

•  realizzando    progetti   di  solidarietà,    di   cooperazione   e  di  integrazione sociale,  culturale  ed economica.

 

 

4.2     Per ii raggiungimento  delle suddette finalità  l'Associazione può svolgere, a livello nazionale    ed   internazionale,    tutte    le    attività    ed   operazioni    necessarie, direttamente  connesse alla propria missione,   ivi incluse, a titolo esemplificativo, attività  di  formazione,   di  ricerca,   di   consulenza   e  di   cooperazione,   attività pubblicistiche   ed  editoriali,   nonché  di   tipo   finanziario  e  di   credito,  locative, mobiliari  ed  immobiliari,   contraendo   a  questo  scopo  mutui   e  consentendo l'accensione  di ipoteche;  l'Associazione   può anche svolgere  attività di raccolta fondi privati, attività commerciali  e di servizi comunque collegate alle finalità associative,   nonché  altre forme  di  autofinanziamento,    nel  rispetto  delle  Leggi vigenti.

 

 

Articolo  5

SOCI

 

5.1      Possono essere Soci le persone fisiche  e/o giuridiche,  italiane  e/o straniere.

 

5.2    Sono Soci. coloro i quali   intendono  prendere  parte alla vita dell'Associazione   e contribuire  al  raggiungimento  delle finalità   statutarie. La  loro ammissione  è soggetta alle seguenti  modalità:

  1. richiesta  d'adesione   inoltrata  al Consiglio Direttivo,  correlata da curriculum vitae;
  2. approvazione  del Consiglio Direttivo;
  3. ratifica dell'Assemblea dei Soci.

I Soci partecipano all'Assemblea con diritto di voto e sono eleggibili  a tutte  le cariche sociali.

Lo status di Socio non e soggetto a limiti temporali.

I Soci sono tenuti al versamento di una quota annua il cui  ammontare  viene determinato dal consiglio direttivo.

Tutte  le  persone  fisiche  nonché  tutti   gli   enti   e  le  organizzazioni   italiane e straniere possono divenire sostenitori     dell'Associazione, contribuendo al finanziamento di singole campagne o iniziative  della stessa.

Gli  enti,  le  organizzazioni   e  le   persone  giuridiche,  soci, sono  rappresentate nell'Associazione dal  loro legale  rappresentante o da persona designata  ad hoc.

 

5.3   La qualità  di socio si perde:

  1. per dimissioni tramite lettera  raccomandata  non oltre ii 31  dicembre  di ogni anno.
  2. per grave violazione delle norme  statutarie;
  3. per mancato pagamento  della quota sociale  di due annualità  successive, previo regolare avviso a provvedere;
  4. per assenza ingiustificata da tre Assemblee ordinarie consecutive;

Sulla  violazione  delle  norme statutarie  delibera  l'Assemblea  a maggioranza  di due  terzi  dei  Soci  presenti.   Tutte  le  dimissioni   devono  essere,  comunque, ratificate in Assemblea.

 

 

 

Articolo 6

ORGANI SOCIALI

 

6.1   Gli organi sociali sono:

  1. Assemblea dei soci;
  2. Consiglio Direttivo ;
  3. Presidente ;
  4. Collegio  dei Revisori;

 

6.2  Le cariche sociali hanno durata triennale, sono prestate a titolo gratuito e sono rinnovabili.

L'incarico di operatore continuativo retribuito non è compatibile con la posizione di componente del Consiglio  direttivo,  di  Presidente e di Sindaco revisore.

 

6.3   Le  vacationes, eventualmente  verificatesi all'interno di  un  organo collegiale durante il mandato, saranno coperte  dall'organo   stesso,  qualora  esse  non superino  1 /3 del numero dei componenti di tale organo,  con successiva ratifica da parte dell'Assemblea.  Per vacationes superiori sarà convocata apposita Assemblea elettiva.

 

 

Articolo 7

ASSEMBLEA  DEI SOCI

 

7.1     L'Assemblea  dei Soci e l'organo sovrano della Associazione.

In caso  non sia disposto  diversamente  dal  presente  statuto,   essa delibera  a maggioranza semplice dei presenti  aventi diritto di voto.

Per l'elezione  degli Organi sociali  e previsto anche ii  voto per corrispondenza, le cui  modalità saranno stabilite nel Regolamento  attuativo dello Statuto.

La presidenza dell'Assemblea  spetta di  diritto al Presidente; in sua assenza o vacanza,  ad un altro membro del Consiglio direttivo.

 

7.2   L'Assemblea dei soci:

  1. determina le linee politiche  dell'Associazione  individuando gli  indirizzi  e gli obiettivi  di carattere generale ;
  2. udita  la  relazione  del  Collegio  dei   Revisori, approva,  a  maggioranza semplice,  i  conti  consuntivi  annuali   che le  sono sottoposti  dal Consiglio Direttivo;  nonché ii documento  di programmazione  annuale contenente  ii piano delle attività ed ii bilancio preventive;
  3. delibera le modifiche statutarie,   a maggioranza dei 2/3 dei  presenti;
  4. elegge ii Presidente,  ii  Consiglio Direttivo e ii Collegio dei Revisori;
  5. ratifica,  secondo  quanta  previsto   nell'art.    5,   l'accettazione   dei   Soci  e delibera sull'esclusione degli  stessi;
  6. approva,   a  maggioranza  qualificata  dei  2/3  dei  presenti  le  operazioni immobiliari  riguardanti  l'acquisto  e la vendita delle sedi sociali, nonché ii consuntivo  delle attività  commerciali  e dei  servizi,  e delle altre forme  di autofinanziamento ;
  7. delibera l'eventuale  scioglimento  e messa in  liquidazione   dell'Associazione, destinando  ii     patrimonio    e  l'eventuale   residua  attivo,  secondo  le  leggi vigenti,  a favore di altre ONLUS ;
  8.  approva  ii Regolamento  applicative  dello  Statuto,  proposto dal Consiglio Direttivo.

 

7.3   L'Assemblea ordinaria e convocata dal Presidente una volta l'anno entro ii trenta giugno. Le convocazioni e l'ordine del giorno  devono essere inviati ai Soci con 30 giorni di anticipo.

 

7.4  L'Assemblea  straordinaria  e convocata  dal  Consiglio   Direttivo di sua  iniziativa oppure entro 30 giorni  dalla richiesta  di  1/3  dei Soci. Le convocazioni  e l'ordine del giorno  devono essere inviati ai Soci con quindici giorni d'anticipo.

 

7.5   Di  ogni  riunione   di  Assemblea  si  rediqerà  specifico  verbale  che  sarà reso pubblico, con  modalità  da  prevedere   nel   Regolamento,    in  modo  da  dare opportunità  ai soci di apportare proposte di correzione, che ii Consiglio Direttivo recepirà ed approverà,  salvo ratifica all'Assemblea successiva.

 

 

Articolo 8

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

 

8.1     II  Consiglio  Direttivo  e  l'organo  di governo  dell'Associazione.   E' costituito  dal Presidente  che lo presiede di diritto,  e da un minimo di tre ad un massimo di nove membri, eletti dall'Assemblea dei Soci.

8.2   II  Consiglio  direttivo  da attuazione  alle  linee politiche indicate  dall'Assemblea, definendo  le priorità, i  tipi di azioni  e gli strumenti sia tecnici che finanziari per realizzarli. Contribuisce alla  formulazione   e  discussione,   nonché  approva  i documenti di programmazione predisposti  dagli  uffici competenti.

8.3 Al Consiglio Direttivo spettano in particolare le seguenti funzioni:

  1. predispone e sottopone all'Assemblea, previa   approvazione, i conti consuntivi e l'analisi dello stato dell'Associazione,  nonché il  documento di programmazione annuale contenente ii piano delle attività e ii bilancio preventive;
  2. stabilisce tempi e strumenti  per la traduzione delle linee programmatiche fissate dall'Assemblea, adottando allo scopo atti e operazioni di ordinaria e straordinaria amministrazione relative alle attività di cui all'oggetto sociale, fatta eccezione    per   quelle    riservate   dallo   Statuto   e   dalle   leggi all'Assemblea, e verificandone l'attuazione;
  3. appronta documenti politici e di indirizzo,  da sottoporre all'Assemblea;
  4. può  avvalersi   di  una .struttura   tecnica  di  supporto  per  la progettazione, l'organizzazione e     l'amministrazione     dell'attività dell'Associazione, stabilisce  i parametri retributivi dei contratti  di  lavoro sia dipendente  che autonomo;
  5.  propone  all'Assemblea  le deliberazioni  di   sua competenza  in materia di ammissione ed espulsione dei Soci ;
  6.  fissa   annualmente    le   quote   associative   e   gli   eventuali   contributi straordinari;
  7. predispone   gli   ordini   del   giorno   dell'Assemblea    sia   ordinaria   sia straordinaria;
  8. predispone  ii  regolamento  interno  e le  eventuali   variazioni  dello stesso e dello statuto, da presentare all'Assemblea;
  9. approva   l'adesione   o   ii    ritiro    da   federazioni,     consorzi   e reti di associazioni ed organismi nazionali  ed internazionali;
  10. delibera validamente con la maggioranza dei  presenti. In caso di parità ha preminenza ii voto del Presidente;
  11. sottopone all'Assemblea  dei Soci le  candidature per la nomina dei Revisori dei Conti.

 

8.4    II  Consiglio Direttivo può delegare in tutto  o in parte i   propri  poteri,  conferendo anche singoli incarichi all'interno o all'esterno del Consiglio stesso.

 

8.5    II Consiglio Direttivo e convocato in seduta ordinaria almeno tre volte l'anno.

 

8.6   II  Consiglio Direttivo e convocato in seduta straordinaria  dal Presidente di sua iniziativa,  o entro sette giorni dalla richiesta di almeno 1/3 dei Consiglieri.

 

8. 7   Le  riunioni  del  Consiglio   Direttivo  sono  valide  se  partecipa  la  maggioranza semplice dei componenti; delibera a maggioranza semplice dei presenti. In caso di parità prevale  ii voto espresso dal Presidente.

 

 

Articolo 9

IL PRESIDENTE

 

9.1   II   Presidente  viene  eletto  dall'Assemblea  tra  i   Soci della  stessa.   Per  la sua elezione occorre la maggioranza dei due terzi dei partecipanti al voto ;  alla terza votazione e sufficiente la maggioranza semplice degli stessi.

 

9.2   II  Presidente ha la rappresentanza legale dell'Associazione sia in giudizio sia di fronte a terzi, ivi compresa la Pubblica Amministrazione, nonché istituzioni, enti e/o associazioni internazionali.

 

9.3   II Presidente   rappresenta  altresì   l'Associazione    nelle   sedi   politiche e/o internazionali per tutte le attività di relazione,  promozione e lobbying necessarie al perseguimento dei fini statutari.

 

9.4  Con le modalità fissate dal presente Statuto,  convoca e presiede il Consiglio Direttivo e l'Assemblea e garantisce l'esecuzione dei loro deliberati.

 

9.5  In caso d'impedimento o assenza, le funzioni del Presidente,  ivi compresa  la rappresentanza  legale,  sono  svolte  da  un  membro  del  Consiglio  Direttivo, nominate dal Presidente ad inizio del mandate.

 

9.6  II  Presidente può conferire ad altre persone deleghe e mandati  specifici per la realizzazione degli scopi e delle attività dell'Associazione.

 

9.7     Nei casi d'urgenza,  ii  Presidente esercita i  poteri del Consiglio Direttivo salvo ratifica alla prima seduta utile di consiglio.

 

 

Articolo10

IL COLLEGIO DEI SINDACI

 

 

II Collegio dei Sindaci, composto da tre membri,  professionalmente qualificati, che possono anche non fare parte dei Soci,  è eletto dall'Assemblea dei Soci su indicazione del Consiglio Direttivo ed elegge al suo interno ii proprio Presidente. Essi non possono avere rapporti  di lavoro  di dipendenza  o di consulenza con I'Associazione.

II  Collegio  dei  Sindaci  controlla  la  tenuta  della  contabilità  sociale,  redige  la relazione riguardante ii bilancio annuale,  accerta  la consistenza di cassa e di tesoreria  e  l'esistenza  dei  valori  e  titoli  di  proprietà  dell'Associazione  e  può procedere, in qualunque memento, ad atti di ispezione  e controllo.

 

 

Articolo11

PATRIMONIO

 

Per  il   conseguimento  dei  propri  scopi,  l'Associazione  dispone  di  un  fondo comune costituto da:

  1. quote annuali versate dai soci;
  2. contributi pubblici e/o privati;
  3. eventuali proventi derivanti da azioni produttive,  e iniziative collegate allo scope sociale;
  4. beni mobili ed immobili acquisiti tramite acquisti, lasciti e donazioni.

 

 

Articolo 12

BILANCIO

 

12.1   L'anno  sociale  e finanziario ha inizio  ii  1 ° gennaio  e si chiude il 31 dicembre.

 

12.2   II   bilancio,   lo  stato  patrimoniale   ed  il   conto  economico   dell'anno  finanziario, sottoscritti dal   legale   rappresentante   e  dal   Collegio   dei   Revisori,  sono  a disposizione  dei  Soci  e  di  chi  abbia  contribuito  al  finanziamento dell'Associazione. II  bilancio e approvato dall'Assemblea  ordinaria   dei soci entro il 30 giugno.

 

12.3  In  conformità  con  quanto  stabilito  dalle  leggi  vigenti,  e  fatto  divieto   di  ogni distribuzione   di  utili,  avanzi di gestione,  fondi o riserve a beneficio  dei Soci, in quanto essi saranno destinati  solo  ad attività istituzionali   o connesse.

 

 

Articolo 13

MODIFICHE STATUTARIE

 

13.1 Lo Statuto  può essere  modificato   su proposta  della  maggioranza  semplice   dei Consiglieri o di 1/4 dei Soci.

 

13.2 Le modifiche  dello Statuto sono di competenza dell'Assemblea  Straordinaria,  che delibera a maggioranza  qualificata   (2/3 dei Soci presenti).

Le proposte  di modifica  dello  Statuto  devono  essere  presentate  per iscritto  al Consiglio  Direttivo e messe a disposizione dei Soci trenta giorni  prima della data dell'Assemblea   Straordinaria.

 

 

Articolo 14

SCIOGLIMENTO

 

14.1  L'Assemblea    dei   Soci   può  decidere   lo   scioglimento    dell'Associazione   con maggioranza  dei 3/4 ove siano presenti i  4/5 dei Soci. In seconda convocazione a maggioranza assoluta  degli  aventi diritto  al  voto.

 

14.2   In  caso  di  scioglimento  l'Assemblea   nomina  un   liquidatore   che  provvederà  a devolvere  il patrimonio  secondo le· leggi  vigenti,  e,  in particolare a favore di altre ONLUS,  in base alle direttive dell'Assemblea.

 

 

Articolo 15

NORME FINALI

 

Per quanta  non specificato nel  presente Statuto valgono  le  norme del Codice Civile e delle leggi  vigenti.

 

 

 

GSI Marche Via Porta Torricella 11, 63100, Ascoli Piceno (AP),  349 6592989 (telefono), 0734961602 (fax),  gsimarche@gsitalia.org

Home

Associazione

Attività

News

Contattaci